GISELLE, la fotografia come resilienza ...

Da Wikipedia: “In psicologia, la resilienza è un concetto che indica la capacità di far fronte positivamente agli eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita di fronte alle difficoltà, di ricostruirsi rimanendo sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza alienare il propria identità ”. Ho imparato ad essere grato per tutte le difficoltà che ho incontrato nella mia vita grazie alla resilienza, che non sapevo di avere. È successo che in un periodo molto difficile per me, avrei dovuto scegliere tra lasciare la fotografia o cercare “un lavoro normale” per far fronte alle grandi difficoltà che stavo attraversando. La razionalità mi ha richiesto di rinunciare alla fotografia e di integrarmi con la società, diventando ciò che non sono mai stato e non ho mai voluto essere. Ma a volte, soprattutto quando si parla di fotografia, a cui ho dedicato tre quarti della mia vita, il cuore e l'istinto prevalgono sulla razionalità. . Ed è stato allora che ho deciso di seguire la preparazione di uno spettacolo di danza organizzato dal coreografo e amico Enzo Celli. Oggi posso affermare con assoluta certezza che le cose non accadono mai per caso, che non esistono coincidenze ma sincronicità. Ma in quel momento non lo immaginavo nemmeno. Così, per due mesi, invece di cercare lavoro mentre ero sfrattato dal mio studio e casa, ho deciso ogni mattina di andare a fotografare le prove della compagnia di ballo coinvolta nella preparazione della Giselle di Adolphe-Charles Adam, reinterpretata da Enzo Celli. Non avevo certezze, non avevo aspettative, era un atto di fuga dalla realtà, troppo pesante per accettare. E ho fotografato con tutta la mia passione, la mia anima, la mia attenzione ... come non accadeva da molto tempo. Quando sei un professionista non è automatico avere sempre la stessa passione, lo stesso entusiasmo. In trentaquattro anni dedicati alla fotografia e al video possono accadere diverse fasi, di puro amore o odio. Ebbene, in quei due mesi sono successe cose diverse: è stato organizzato la mio prima e unica esibizione fotografica, e per la prima volta nella mia vita ho deciso di partecipare a un concorso fotografico internazionale, i SONY WORLD PHOTOGRAPHY AWARDS che nel 2015 ha registrato un boom di partecipazione: 173.444 immagini da 171 paesi. Potete leggere i dettagli di questa esperienza nell'articolo dedicato al concorso. Quindi resilienza, meravigliosa e divina resilienza. L'inizio di un nuovo inizio ...

GISELLE, lo spettacolo

"Una danza ricca di simbolismi, manierismi, è quella ideata da Enzo Celli per la Giselle della Botega Dance Company, andata in scena il 30 novembre all'Auditorium Conciliazione di Roma. Con questa “Giselle” Enzo Celli celebra l'inizio di una seconda fase della sua carriera, rielaborando in termini di grammatica e struttura lo spettacolo a cui è più legato. Il tessuto della storia è quello della dimensione onirica in cui si articola la memoria di Albrecht , sempre più stravolto con il prosieguo dello spettacolo, come dimostra l'evoluzione del secondo atto. È ambientato in un carcere femminile dove i Villi sono vestiti da reclusi e Giselle appare sempre in un ambiente elegante che cambia dai colori cangianti al rosso, simbolo del martirio. Ciò accade perché mentre la protagonista si avvicina al triste epilogo della storia, nella mente di Albrecht, assume connotazioni sempre più soprannaturali, a indicare come lei stessa diventa redentrice del percorso del nostro principe (politico) caduto, che grazie ad esso impara il profondo senso della vita. Tra le protagoniste Elisabetta Minutoli, Giselle, membra del BDC dal 2008, ballerina che vanta una formazione internazionale avendo studiato all'Alvin Ailey, allo Steps on Broadway, al Dance New Amsterdam, e al Peridance Capezio Center di New York. In particolare studia con Stephen Petronio, Igal Perry e Nathan Trice. Il ruolo di Albrecht è affidato a Manuel Vignoulle, formatosi al Conservatoire National Supérieur de Danse de Paris e ballerino, tra tante altre esperienze, anche del Cedar Lake Contemporary Ballet. Lo spettacolo beneficia della partecipazione di Laccio nel ruolo di Asrael. Tra gli altri protagonisti: Debora Regoli, Matteo Fiornai, Chiara Corradi, Simona Cutrignelli, Giulia Donati, Alice Papa, Giulia Mancini, Gloria Ferrari". (fonte: Giornale della danza)
Questa immagine contiene un momento speciale, i ballerini durante una fase di riposo, pochi minuti prima dell'inizio delle prove generali, che guardano per la prima volta la presentazione delle immagini scattate nei due mesi precedenti. Questo è il foyer dove verrà poi allestita la mostra.

Vorrei condividere le parole che ho scritto quando ho presentato la mostra, la mia intenzione era quella di far capire alle persone quale fosse la mia personale visione del tipo di immagini e della tecnica utilizzata per realizzarle.

Il bianco e nero

Le sessioni di prova, il tempo che passa, l'idea del coreografo si concretizzano nei movimenti e nelle azioni dei ballerini. Giorno dopo giorno, prove dopo prove le ragazze iniziano il percorso dell'armonia, della sicurezza nei movimenti...la stanchezza e le emozioni scavano volti, il sudore illumina la pelle. Più passa il tempo e più si dimenticano che io sono lì a fotografarli con Enzo che li guida. C'è molta intimità nell'osservare un coreografo e i suoi ballerini che vibrano e che, andando avanti, afferrano l'anima dello spettacolo all'unisono. Ed è anche molto bello. In questo momento i dettagli e gli sguardi, la concentrazione ed i movimenti sono di una tale intimità che il bianco e nero è per me l'unico modo per “raccontare queste sfumature dell'anima”. Per il resto è la ricerca del momento in cui uno sguardo e / o un movimento esprimono tensione, energia, intimità ...

La grana, il mosso e il fuori fuoco
Ci sono alcune immagini volutamente sfocate e mosse, ricerca e sperimentazione sull'anima della danza espressa dalle pennellate e dalle scie che un movimento può dare all'aria… In Giselle ci sono momenti in cui lo sfocato è per me è necessario, significa mantenere una distanza ideale e di rispetto per l'estasi del momento, la tensione del corpo. L'intenzione è "Percepire", non vedere. “Sentire” senza guardare… senza bisogno di dettagli, messa a fuoco, nitidezza… Ho anche scelto di utilizzare una grana che aggiunge all'immagine un “gusto” di pellicola, di “pasta pittorica”… aspetti ormai persi con l'uso delle fotocamere digitali . Con Giselle ho sentito il bisogno di ricrearlo.

Ho raccolto i due mesi in 12 capitoli, ognuno dei quali contiene una selezione delle tante immagini che ho realizzato. Poi, alla fine, ci sono due capitoli finali dello spettacolo.

CAPITOLO UNO

CAPITOLO DUE

CAPITOLO TRE

CAPITOLO QUATTRO

CAPITOLO CINQUE

CAPITOLO SEI

CAPITOLO SETTE

CAPITOLO OTTO

CAPITOLO NOVE

CAPITOLO DIECI

CAPITOLO UNDICI

CAPITOLO DODICI

Il giorno dello spettacolo, le prove

Il giorno dello spettacolo, le prove. È in questo momento, prima di andare in scena che ogni ballerino, secondo la mia percezione e la mia opinione, entra in contatto con una parte profonda della sua anima. È un momento di tensione ma anche di grande calma allo stesso tempo. Si esprime la dicotomia dell'essere, lo stretching, gli sguardi che raccontano tutto il lavoro svolto in precedenza. C'è un momento di silenzio che riempie tutto, in ogni dimensione… Non so se sono riuscito a fotografarlo, ma so che c'ero e ne sono testimone. E per questo sono molto grato e fortunato, per aver visto quanta passione mettono questi ballerini, queste persone in quello che fanno. E questa è una delle cose più belle a cui puoi assistere.

Lo spettacolo

it_IT
en_US it_IT